Akoman

Akoman

akoman2jpg

Tratto da:
DRAUGA Ahrimanian Yatuk Dinoih di Michael W. Ford


Aka Manah (Avestan), Akoman (Pahlavi), Akvan (Nuovo persiano), uno degli Archideva più significativi dopo Ahriman, è letteralmente la "Mente cattiva"; una potente soglia che rappresenta la coscienza arimanica ed è un aspetto della "Fiamma Nera" della ribellione spirituale. Nei Gathas, Akoman è il nemico di Vohu Manah ed è l'incarnazione di "pensieri vili e discordia"; Akoman è la manifestazione spiritualmente individualista e carnalmente lussuriosa di entrambi i mondi.

Akoman è nato nel buio mondo di Ahriman. Nella cosmologia, Ahriman creò per primo la menzogna / La bugia (Druj - la parola del serpente) e poi Akoman. Di conseguenza, Druj e Akoman lavorano in unione. In un'altra tradizione del Bundahishn, Akoman e Varun furono creati insieme. Akoman era temuto profondamente nel culto di Ohrmazd in quanto la manifestazione di questo demone era perversione. Nella tradizione del culto di Ohrmazd, quando Ahriman apprese della nascita del riformatore Zarathustra, lo "Spirito malvagio" mandò avanti Akoman. Akoman è descritto nel Denkart come un tentativo di entrare nella mente di Zarathustra (Zoroastro) e indurlo alla perversione e frustrazione da Vohuman (Vohu Manah). Si dice che Akoman possa far piangere i bambini alla nascita spaventandoli nella tradizione religiosa zoroastriana. L'akoman è il potere della coscienza individuale, infernale / divina che porta la scintilla a innescare la Fiamma Nera di Az-Jeh, il fuoco ardente della concupiscenza e il desiderio di rimanere "Io" nel tempo.

Akoman è identificato con l'Ajna Chakra; il terzo occhio e il risveglio spirituale. Lo Yatus onora Akoman come il Daeva che porta "la cattiva conoscenza" della percezione alla mente dell'uomo. Akoman a sua volta con Varun (demone della lussuria) o Druj (demone del serpente) è l'Archideva che introduce il desiderio sensuale alla mente dell'uomo e della donna. Akvan (Akoman) viene invocato visualizzando uno spirito feroce e cornuto dalla pelle bianca come un cadavere con gli occhi che mutano tra il nero fumo/magenta e il blu freddo. La testa di Akoman è grande, con forma simile a un elefante con zanne affilate che escono bocca. Con le corna deformi, Akoman indossa l'antico kilt Indo Arian, una collana di teschi e artigli affilati come rasoi.